Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

per l'INPS non è più autistico......

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Quel che succede
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Ott 23, 2017 7:32 pm    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Sab Nov 12, 2011 2:04 pm    Oggetto: per l'INPS non è più autistico...... Rispondi citando

L'Eco di Bergamo del 12-11-2011

«Ho un bimbo autistico ma per l'Inps ora è guarito»
BERGAMO. In questi giorni si sono letti molti articoli sulle disabilità: mi ha colpito in particolare quello apparso il 21 ottobre scorso che mette in rilievo l'«odissea» che una persona deve intraprendere per le revisioni (manco fossero quelle per le autovetture) delle prestazioni di accompagnamento e invalidità, da parte dell'Inps.
Vorrei condividere la mia esperienza personale. La mia famiglia risiede a Seriate: nostro figlio Lorenzo ha 6 anni e fin dalla nascita è afflitto da stress respiratorio, ha un reflusso renale di 4° grado, all'età di tre anni gli è stato diagnosticato dall'Istituto Eugenio Medea - La nostra Famiglia di Bosisio Parini (non mi sembra poco) una forma di autismo infantile grave, confermato dal responsabile di Neuropsichiatria infantile e dalla commissione Asl di Trescore. Abbiamo quindi ottenuto il riconoscimento di tutte le prestazioni di legge inerenti alla patologia nel settembre 2008.
Il mio bambino è stato fortunato? Devo dire di sì. Sotto l'ala amorevole dei terapisti di Bosisio Parini (tre volte a settimana e ora due volte) e dello Spazio autismo di Bergamo, dei maestri, nonché dell'assistente educatrice e delle insegnanti di sostegno, e ci metto anche il mio sostegno, quello di mia moglie, della sorellina e dei familiari più stretti, Lorenzo ha fatto sicuramente passi da gigante.
Sicuramente un po' di quell'indennità di accompagnamento, oltre che investita in alcune terapie a pagamento, è stata messa nel serbatoio dell'automobile che lo portava avanti e indietro e quindi qualcosa è rientrato nelle tasche erariali sotto forma di accise. Lui non guardava, non si relazionava, urlava (anche adesso), il suo mondo non era il nostro, non riuscivamo ad entrare nel suo e lui nel nostro. Abbiamo studiato, sudato in questi tre anni: Lorenzo ha più certificazioni di me in 44 anni di vita.
Revisione dell'autoveicolo? Detto, fatto! L'Inps medico legale di Bergamo chiama Lorenzo (non dico con quanta burocrazia già in partenza): un bambino che è migliorato, è riuscito a stabilire il contatto con questo mondo, che lavora ad immagini, ma fragile nelle emozioni, nei rapporti, nelle negazioni, ripeto fragile, che ha necessità di essere difeso e tutelato e assistito a 360 gradi.
Visita? Giuro, cinque minuti scarsi! Lorenzo si è divertito a schiacciare la tastiera del medico (forse voleva cambiare il verdetto deciso ancor prima di vederlo). Esito della visita? Non possiamo confermare l'invalidità. Non più accompagnamento, solo indennità di frequenza: il rimedio non è un medicinale ma un ricorso, con i tempi e i costi che sappiamo tutti. Con il ricorso mi viene in mente l'articolo sopra menzionato. La proporzione: cinque minuti di visita stanno a tre anni di terapia come cosa? Qual è il termine di paragone? Razionalizzare la spesa pubblica indipendentemente dalla persona che si ha davanti? Farò ricorso, perché sono felice che il mio bambino sia migliorato, ma la sua evoluzione nella vita sarà sempre difficile: lui è autistico, non è un automezzo. Dall'autismo non si guarisce.
Per noi genitori la pubblicazione di questa lettera risulta di estrema importanza anche per dare voce a coloro che sono nella stessa situazione.

Federico

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Sab Nov 12, 2011 3:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Vergogna.
Queste commissioni ormai pensano solo ai comandi dati dall'alto cioè :
tagliare!!!
Top
gianfry
utentejr


Registrato: 22/02/10 09:24
Messaggi: 120
Residenza: (NA)

MessaggioInviato: Gio Nov 17, 2011 10:50 am    Oggetto: Rispondi citando

Mi spiace molto per questo episodio.
Rimango però perplesso su di una cosa: l'INPS può allinearsi a tutte le circolari "taglia-disabili" che vuole ma per grazia di dio esiste ancora la Legge. In particolare pensavo al Decreto ministeriale - Ministero dell'economia e delle finanze, 2 agosto 2007
"Individuazione delle patologie rispetto alle quali sono escluse visite di controllo sulla permanenza dello stato invalidante
."
con allegato indicante le patologie escluse dalle visite di revisione (credo sia nella Gazzetta Ufficiale n°225 del 27 settembre 2007).
In buona sostanza non è possibile procedere a visita di revisione per alcune patologie che, pur suscettibili di miglioramento (e ci mancherebbe altro), danno comunque diritto al riconoscimento dell'invalidità civile al 100% nonché (cosa ancora più importante) alla connotazione di gravita (cod. 04) della L.104/92.
Forse mi sono perso qualcosa nel frattempo ma quando mio figlio ha fatto la visita richiesta da me come aggravamento (alla prima visita per la L.104 effettivamente non gli è stata riconosciuta la gravità complice la mia poca informazione e ingenuità !!!) con la gazzetta ufficiale alla mano è stato riconosciuta la connotazione di gravità "fino al 18 anno di età" così come è giusto che sia in relazione alla patologia e non ai più o meno buoni progressi e miglioramenti fatti. L'autismo rimane autismo anche se con buono o ottimo funzionamento. O sbaglio?

_________________
da Gianfry ... "Ciao, amici !" (è il saluto del mio Simone)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Ven Nov 18, 2011 12:39 am    Oggetto: Rispondi citando

uhm, perchè fino ai 18 anni? come hai detto certe patologie, per quanto suscettibili di miglioramento, non sono "guaribili" perciò permanenti... non possono chiamare a visita quando diventi maggiorenne...... purtroppo siamo nel far west totale......

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Ven Nov 18, 2011 6:45 am    Oggetto: Rispondi citando

Kodia TUTTI devono andare a visita ai 18 anni ..lo dice la nostra legge anche se il difetto è permanente, ricordati che allora gli viene riconosciuta l'invalidità civile e l'accompagnamento se ha i requisiti, quando si è minorenni si ha ho la frequenza o l'accompagnamento.
Top
nut
Ospite





MessaggioInviato: Ven Nov 18, 2011 6:46 am    Oggetto: Rispondi citando

nut ha scritto:
Kodia TUTTI devono andare a visita ai 18 anni ..lo dice la nostra legge anche se il difetto è permanente, ricordati che allora gli viene riconosciuta l'invalidità civile e l'accompagnamento se ha i requisiti, quando si è minorenni si ha o la frequenza o l'accompagnamento.
Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Ven Nov 18, 2011 3:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

non lo sapevo Embarassed uno nasce con DS o l'autismo o altro di permanente e irreversibile e c'è una legge italiana che impone a queste persone una revisione con i 18 anni? mi sai dare il riferimento normativo? ma lo spiegano anche? e pare una cosa giusta?

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Ven Nov 18, 2011 4:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

ho trovato:
Visite di revisione
I procedimenti di revisione possono essere disposti quando la persona invalida sia in età evolutiva o quando vi sia una diagnosi provvisoria sul grado di invalidità. La revisione diventa obbligatoria quando il minore raggiunge la maggiore età (18 anni).


Casi nei quali si dispone la revisione
I procedimenti di revisione possono essere disposti quando la persona invalida sia in età evolutiva o quando vi sia una diagnosi provvisoria. Cioè quando sul verbale sia stata precisata la patologia come "rivedibile" entro un termine di tempo specifico. In tutti questi casi la visita di revisione è obbligatoria.

Al compimento dei 18 anni
La revisione diventa obbligatoria quando il minore raggiunge la maggiore età (18 anni).

(da Superabile)

rimane che mi pare una inutilità nonchè uno spreco di soldi pubblici

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
koalamum
neoutente


Registrato: 23/12/11 12:36
Messaggi: 21

MessaggioInviato: Ven Dic 23, 2011 7:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Cero visita di revisione ai 18 anni,a noi toccherà il prossimo anno ,mio figlio fino ai 12 anni aveva solo la frequenza pur essendo la SdD un problema certo non risolvibile,comunque a 12 anni chiedemmo l'aggravamento suffragato dal fatto che le sue autonomie non erano certo paragonabili agli altri dodicenni,visita di 2 minuti,domanda ''come ti chiami?,che classe fai?''ora a 12 anni mio figlio sapeva bene queste cose ma che visita sarebbe?parere della commisione negativo,facemmo ricorso e finalmente una dottoressa,diversa dalla commissione fece delle domande pertinenti: vai da solo in giro,sai contare i soldi,.....finalmente abbiamo avuto l'accompagnamento!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Sab Dic 24, 2011 2:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

koala noi solo con il tribunale l'abbiamo ottenuto l'accompagnamento, dopo tre anni di causa.
Top
manuza
neoutente


Registrato: 05/09/13 23:25
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Ven Set 06, 2013 11:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

anche a mio figlio è successa la stessa cosa, tolto l'accompagnamento e data la frequenza. Abitiamo anche noi in provincia di bergamo e ho sentito personalmente di altre situazioni simili. Sinceramente non so cosa pensare, è ovvio che sono contenta che mio figlio sia migliorato, e spero migliori ancora! L'unica cosa che voglio capire e che non mi dice nessuno è : con una diagnosi di autismo ad alto funzionamento a che cosa a diritto mio figlio? Dopo mi metterò il cuore in pace, ma fin dove potrò cercherò di far valere i suoi diritti!
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Quel che succede Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.297