Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

BES ( Bisogni Educativi Speciali )

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scuola
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Gio Giu 29, 2017 11:19 am    Oggetto: Ads

Top
beba
utentejr


Registrato: 26/10/09 11:04
Messaggi: 146

MessaggioInviato: Gio Mag 16, 2013 9:21 am    Oggetto: BES ( Bisogni Educativi Speciali ) Rispondi citando

L'anno prossimo i ragazzi con difficoltà rientreranno tra i Bisogni educativi speciali. Ma non sarà un modo per tagliare insegnanti di sostegno? Il rischio c'è.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
bazen
utentejr


Registrato: 27/07/10 13:42
Messaggi: 217

MessaggioInviato: Sab Mag 18, 2013 10:50 am    Oggetto: Rispondi citando

Beba, il discorso è proprio quello. Insieme al fatto che è una questione di business il limitare la scuola pubblica e la sanità pubblica,cui è legato il discorso qualitativo...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mer Giu 19, 2013 3:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

per proseguire la discussione posto questo articolo che viene dal rappresentante del coordinamento scuole elementari di Roma:

Redattore Sociale del 10-06-2013

Sostegno, tra criticità e questioni aperte: la "pagella" di un genitore

ROMA. Sta per chiudersi un anno scolastico, è tempo di bilanci. Mentre i docenti si apprestano a dare le pagelle, anche gli “utenti”, le famiglie in particolare, esprimono i loro giudizi: e la “sufficienza”, in alcune “materie”, sembra non sia stata raggiunta dal sistema scolastico italiano. Il sostegno agli studenti con disabilità è certamente una di queste materie. Nonostante l’aumento dei docenti dedicati a questo scopo (nel 2012/2013, 6.000 insegnanti in più rispetto all’anno precedente, secondo il Miur), il taglio delle risorse ha pesanti ricadute soprattutto in termini di ore assegnate a ciascun alunno, mentre tende a restringersi il ventaglio degli alunni a cui è riconosciuto il bisogno di un rapporto 1:1.

Ne parliamo con Cesare Calvini, genitore di un ragazzo con disabilità e membro del Coordinamento scuole elementari di Roma, che al tema del sostegno dedica costante attenzione e molte battaglie: dai diversi ricorsi collettivi delle famiglie al prossimo presidio del 13 giugno davanti al ministero, con cui si denuncerà, tra l’altro, la “mancata assegnazione degli insegnanti di sostegno necessari a garantire il diritto all’istruzione” degli studenti con disabilità.

“In vista del GLH d’istituto (Gruppo di lavoro sull’handicap, ndr) mi sono letto tutte le circolari sul sostegno di quest’anno – spiega Cesare, provando a fare il punto della situazione - Negli ultimi anni, in tutte le scuole c’è stata una forte riduzione delle ore di sostegno”. In fase di assegnazione del sostegno, l’amministrazione scolastica ha di fatto smesso di utilizzare “l’unico documento previsto dalla ex legge 104/92 per l’assegnazione delle ore di sostegno, cioè la diagnosi funzionale, che da molte scuole addirittura non veniva richiesta. Si è deciso invece di dividere i bambini in due categorie diagnostiche sulla base di codici (tra l’altro superati dai più attendibili ICF): psicofisici e sensoriali”. Il rapporto 1:1 era riconosciuto solo ai sensoriali, mentre “per gli psicofisici e tutte le altre realtà patologiche, dalle più lievi a quelle gravissime, rimanevano solo le briciole. L’assurdità di questa scelta è stata in questi anni sotto gli occhi di tutti – fa notare Cesare Calvini - ed è stata la causa del moltiplicarsi dei ricorsi al Tar: quasi 800 finora, solo a Roma e provincia”.

La situazione, a quanto pare, non migliorerà il prossimo anno: “nell’organico di diritto per il 2013-14 – spiega ancora Cesare - sono state ridotte le ore di sostegno anche ai sensoriali”. A ciò va aggiunto che “le recenti circolari hanno definitivamente reso necessario, per l’ottenimento del sostegno, il possesso di una certificazione della disabilità secondo la legge 104/92, mentre sembra diventato praticamente impossibile il ricorso per chi non possieda una disabilità grave art. 3 comma 3. Su questo punto sarà opportuno chiedere un parere anche all’avvocato Tavernese, che ci ha accompagnati nei vari ricorsi collettivi”. L’ultimo riferimento riguarda la direttiva ministeriale sui bisogni educativi speciali, che prevede sì “il potenziamento e l’allargamento dell’inclusione anche a casi di svantaggio sociale e culturale, ma a carico delle insegnanti curricolari, le stesse che dal 2010, secondo la legge 170, devono occuparsi dei disturbi specifici dell’apprendimento”. Resta alta quindi la preoccupazione delle famiglie dei ragazzi disabili, alcune delle quali finiscono per rinunciare alla scuola pubblica: “una mamma di un bambino ‘speciale’ ha deciso di iscriverlo alla privata – riferisce infine Cesare Calvini – Le costa mille euro al mese in più, solo per l’insegnante di sostegno (che nella scuola privata è a carico della famiglia, ndr). Ora però è tranquilla e contenta, perché, dice, l’insegnante è tanto brava!”. (cl)

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
SMILZA75
neoutente


Registrato: 27/11/11 17:26
Messaggi: 51

MessaggioInviato: Sab Giu 29, 2013 9:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il P.A.I., infatti, non va inteso come un ulteriore adempimento
burocratico, bensì come uno strumento che possa contribuire ad accrescere la consapevolezza
dell’intera comunità educante sulla centralità e la trasversalità dei processi inclusivi in relazione
alla qualità dei “risultati” educativi, per creare un contesto educante dove realizzare concretamente
la scuola “per tutti e per ciascuno”. Esso è prima di tutto un atto interno della scuola autonoma,
finalizzato all’auto-conoscenza e alla pianificazione, da sviluppare in un processo responsabile e
attivo di crescita e partecipazione.
In questa ottica di sviluppo e monitoraggio delle capacità inclusive della scuola – nel rispetto
delle prerogative dell’autonomia scolastica - il P.A.I. non va dunque interpretato come un “piano
formativo per gli alunni con bisogni educativi speciali”, ad integrazione del P.O.F. (in questo caso
più che di un “piano per l’inclusione” si tratterebbe di un “piano per gli inclusi”). Il P.A.I. non è
quindi un “documento” per chi ha bisogni educativi speciali, ma è lo strumento per una
progettazione della propria offerta formativa in senso inclusivo, è lo sfondo ed il fondamento sul
quale sviluppare una didattica attenta ai bisogni di ciascuno nel realizzare gli obiettivi comuni, le
linee guida per un concreto impegno programmatico per l’inclusione, basato su una attenta 2
lettura del grado di inclusività della scuola e su obiettivi di miglioramento, da perseguire nel senso
della trasversalità delle prassi di inclusione negli ambiti dell’insegnamento curricolare, della
gestione delle classi, dell’organizzazione dei tempi e degli spazi scolastici, delle relazioni tra
docenti, alunni e famiglie.




Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


[/img]
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Dom Giu 30, 2013 12:11 am    Oggetto: Rispondi citando

insomma.... come se fosse antani?
diciamo che sarebbe meglio che quelli che scrivono queste cose prima di scriverle andassero a consultarsi un po' di normativa, si risparmierebbero tot figuracce..... Shocked Shocked e diciamolo: i BES sono un'invenzione e basta.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scuola Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.237