Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

parla Janes

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scuola
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mer Set 20, 2017 2:52 am    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Sab Nov 19, 2011 11:30 am    Oggetto: parla Janes Rispondi citando

Corriere Alto Adige del 18-11-2011

La scuola che vince
TRENTO. «In Trentino Alto Adige siamo messi bene, ma non possiamo dire lo stesso di tutto il Nord Italia». Con queste parole Dario Ianes descrive la situazione dell'integrazione scolastica nella nostra regione e, detto da chi ha costruito la propria fortuna professionale su questi temi, c'è da credergli. Docente alla Lub di Bolzano e fondatore del Centro studi Erickson di Trento, con il collega Andrea Canevaro è l'organizzatore del convegno internazionale «La qualità dell'integrazione scolastica e sociale», di recente premiato con una medaglia dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che si svolgerà a Rimini da oggi fino a domenica. Il convegno è arrivato all'ottava edizione: ha notato cambiamenti nell'approccio italiano al problema dell'integrazione scolastica? «È una domanda che non può avere una risposta univoca. Infatti abbiamo ravvisato come negli ultimi anni si siano imposti due fenomeni apparentemente in contrasto: da un lato, è cresciuta la sensibilità verso lo studente portatore di disabilità, così come è aumentato il numero degli insegnanti di sostegno (da 70.000 a 96.000); allo stesso tempo però è innegabile come ci sia un problema di mancanza strutture ad hoc e che si sia registrata una certa tendenza a isolare gli studenti disabili, a volte perfino mandandoli a studiare fuori dalla classe». E da un punto di vista metodologico? «Anche qui si è proseguito tra alti e bassi: se da un lato la ricerca scientifica è notevolmente aumentata, dall'altro lato è stato registrato un aumento della cosiddetta "didattica frontale", cioè quella che prevede una netta separazione e una mancanza di interazione tra professori e studenti, a danno dell'"apprendimento cooperativo", che invece viene spesso raccomandato. Questo rende ancora più difficile l'inserimento di uno studente disabile». Da un punto di vista territoriale è possibile trarre delle conclusioni in riferimento alla qualità dell'integrazione scolastica? «No. Se dovessimo disegnare una cartina dell'Italia, sarebbe a macchie di leopardo. Anche perché spesso si registrano forti differenze all'interno della stessa regione, ad esempio tra la scuola primaria e la scuola secondaria». Parlando del convegno di quest'anno, uno dei temi più interessanti che proporrete è certamente il tentativo di commistione della pedagogia con altre scienze all'apparenza molto distanti, come ad esempio l'economia o l'etica: potrebbe anticiparci qualcosa su questo tema? «Al convegno tratteremo e discuteremo delle tesi e delle opere di studiosi come il premio Nobel per l'economia Amartya Sen, della filosofa del diritto Martha Nussbaum e della filosofa dell'etica Michela Marzano. Quest'ultima affronta un tema particolarmente delicato per chi si occupa di integrazione scolastica. Faccio un esempio semplice: un insegnante come si deve comportare con un disabile al momento di assegnare i voti? Deve tenere conto delle sue condizioni fisiche o invece deve trattarlo alla pari degli altri studenti? Questo è un tema che toccheremo sicuramente durante il convegno». Un obiettivo di questa edizione del convegno è anche quello di proporre e discutere soluzioni alternative a quelle attualmente in uso, ad esempio riguardo gli insegnanti di sostegno. Cosa ci può dire a proposito? «Negli ultimi tempi si è discusso molto nel nostro ambiente sulla figura dell'insegnante di sostegno. Una proposta che è venuta in tal senso e che discuteremo al convegno è la possibile "soppressione" dell'insegnante di sostegno nelle scuole responsabilizzando maggiormente i professori nella "gestione" dello studente disabile e, allo stesso tempo, favorire l'inserimento di quest'ultimo nella classe». Lei è stato membro del ministero dell'istruzione università e ricerca (Miur) sotto i governi di centrosinistra: ha potuto notare una differenza di approccio al tema da parte dei due schieramenti politici? «Debbo dire che sia il centrosinistra sia il centrodestra hanno ugualmente snobbato la cultura, non ponendola mai in cima alle loro agende. Certo, si può aggiungere che forse l'ultimo governo di centrodestra con il ministro Gelmini si è comportato peggio di tutti, ma non è davvero il caso di fare classifiche da questo punto di vista». Visto che abbiamo parlato di politica, è d'obbligo chiederle un giudizio sulle prospettive per la cultura nel prossimo governo Monti. «È davvero troppo presto per dire qualcosa. Può sia essere il momento buono per un rinnovamento sia per nuovi tagli». Recentemente il convegno è stato premiato anche dal presidente Napolitano. «Si e ne siamo molto orgogliosi. Non solo per il premio in sé, ma anche perché viene da una persona come il presidente Napolitano, che ha dimostrato anche negli ultimi giorni tutto il suo equilibrio e la sua leadership».

di Claudio Parisi

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Sab Nov 19, 2011 9:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

queste sono le premesse............togliere il sostegno???
Poi ti posso presagire il resto........qualcuno ....magari quello che parla fa una scuola per insegnare agli insegnanti a trattar con i disabili, magari un corso di 20 ore (esagerando). Facciamo dei mega-corsi tenuti da qualcuno ............
Ma chi fa queste proposte......ci va nelle scuole o ci andava 30 anni fa? Perchè a me pare fuori dal mondo! Queste persone dovrebbero aiutare i disabili..........francamente ne dubito e mi fermo qui!!
Top
daniela
utentesenior


Registrato: 25/10/09 12:35
Messaggi: 563

MessaggioInviato: Dom Nov 20, 2011 4:00 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho molta stima di Ianes e non posso pensare che abbia fatto una proposta così riduttiva e semplicistica. Non ho letto la proposta di cui tanto si discute per cui esprimo solo una opinione personale: io credo che quando si parla di “soppressione” del sostegno non si riferisce all’insegnante di sostegno in sé, ma al “modello” dell’insegnante di sostegno come è percepito oggi. Credo che la proposta sia quella di uscire dal dualismo disabile-insegnante di sostegno ed evolvere la figura del sostegno come mediatore fra gli insegnanti curriculari e l’alunno disabile che, pur nella sua unicità (come del resto ogni essere umano), è un componente della classe e non un appendice di proprietà del sostegno.
Integrazione significa anche coinvolgimento di tutti gli attori quindi anche degli insegnanti curriculari; quando si parla di far divenire “insegnanti curriculari” anche gli insegnanti di sostegno io credo significhi dare a loro il riconoscimento di essere alla pari dei colleghi (e forse anche con qualche merito in più) e non relegarli ad insegnanti di serie B.
Sul nostro blog c’è un bell’ intervento che riguarda un esempio di buone prassi inserito da mresciani, penso che la frase chiave sia questa “…c'è un corpo insegnante che veramente ha voglia di mettersi in gioco e di aiutare il ragazzo per poter esprimere il meglio di sè…”
Sostanzialmente credo che sia questo ciò che si vuole arrivare , alle buone prassi in tutte le scuole.

_________________
Daniela
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Scuola Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.111