Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

pazzesco

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Urlo libero
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mer Ago 23, 2017 4:25 pm    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mer Gen 19, 2011 3:13 pm    Oggetto: pazzesco Rispondi citando

Villafranca, genitori in coda tutta la notte
per iscrivere i figli alla scuola d'infanzia
VILLAFRANCA. La scuola paritaria del centro accoglie i parenti nell'atrio e poi è compilata la lista. Nessun favoritismo. Arrivano 26 ore prima con cibi acqua e brandine pieghevoli. Solo 37 i posti disponibili quest'anno al San Giuseppe

Villafranca. È l'alba di lunedì. Le temperature sono fredde, la nebbia incappuccia corso Vittorio Emanuele e un genitore si avvicina al portone della scuola d'infanzia paritaria San Giuseppe. La voce si diffonde in un baleno: è iniziata la corsa alle iscrizioni, previste per ieri alle 8. Ogni anno la stessa avventura: un giorno prima dell'apertura delle immatricolazioni alla scuola materna, i genitori si mettono in fila attrezzati di acqua, rifornimenti e cuscino. Passano la notte nell'atrio dell'istituto per garantirsi un posto per il figlio.
Quest'anno potevano accaparrarsi il privilegio 40 bambini, nati entro il 12 dicembre 2008 (inclusi quattro nati nel gennaio 2009). Quota d'iscrizione: 120 euro. Unico requisito: essere residenti a Villafranca. Il sistema è democratico: si entra secondo l'ordine di arrivo, perciò la coda è l'unico modo per iscriversi.
Ore 6.30 di lunedì. I primi genitori piantonano l'atrio e inaugurano la lista di presenza. Ogni ora un addetto della scuola effettua un appello. Se si saltano due chiamate si perde il posto. E gli esclusi risalgono la classifica.
Ore 12. La lista è già a 37 «prenotati». Nonni, mamme e papà si danno il turno, incastrando impegni lavorativi e appuntamenti. Obiettivo: non perdere la posizione.
Ore 23. «Si bussa e si entra», spiega un giovane che fa pausa nel bar vicino, «è rimasto soltanto un posto».
Ore 4.30. Arriva una mamma, per tentare la fortuna: «L'ho presa tranquillamente. Ho iscritto mio figlio anche nella scuola di una frazione. Senza passare la notte qui, sono venuta ora per vedere se c'era ancora posto e sono la quarantesima».
Ore 8 di ieri. La coda è assonnata e ormai ridotta. Le iscrizioni sono cominciate e i genitori se ne vanno soddisfatti. «Ho visto qualcuno già in fila lunedì a mezzogiorno», racconta un papà mentre esce contento dalla scuola, brandendo il modulo d'iscrizione. «Ho mandato mia moglie a tenere il posto. Alla sera le ho dato il cambio». Per lui l'avventura è finita, ma non sembra provato: «Anni fa, mio figlio ha frequentato questa scuola e ci siamo trovati bene. È stata una notte tranquilla, e poi ci consentono di stare al coperto», torna dentro a riprendersi una bottiglia d'acqua vuota, l'unica compagna della notte. Un nonno entra e recupera sedia sdraio e borsa con i vettovagliamenti, mentre la figlia entra in segreteria. Nell'atrio rimangono poche persone e un cuscino su una sedia, arma per rendere più morbida l'attesa.
Tutti pazzi per la San Giuseppe? Si direbbe di sì. Non è, infatti, l'unica scuola a Villafranca. E nelle altre, soprattutto quelle comunali, non occorre fare la fila. Ma i genitori preferiscono questo istituto nato nel 1885 per opera delle Sorelle della misericordia. «Le maestre alle scuole elementari dicono di vedere la differenza tra i bambini che sono stati qui e gli altri», spiega una mamma. La qualità del servizio scolastico è il fattore che spinge a passare ore all'addiaccio. Ci si aggiunge la tradizione e l'affetto dei genitori che a loro volta hanno frequentato l'istituto. Anche se qualche lamento, forse per la stanchezza, arriva: «Non potevo prendermi un giorno di ferie per fare la coda», sono le voci di un crocchio di mamme in strada, «andrebbe cambiato il sistema, inserendo dei paletti o facendo una preiscrizione. Se quest'anno sono arrivati alle 6.30 del giorno prima, l'anno prossimo anticiperanno ancora».
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Mer Gen 19, 2011 8:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

sembra di leggere un brano del libro cuore....
ma è vero?
Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Gio Gen 20, 2011 9:34 am    Oggetto: Rispondi citando

nell'articolo dice che tutti gli anni è così.... e questi magari sono pure "orgoglioni" di immolarsi in questo modo pur di procurare un posto al pargolo.... siamo una società a remengo, ormai..... Crying or Very sad
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Urlo libero Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.058