Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

la NPI che licenzia un paziente in età evolutiva?
Vai a Precedente  1, 2, 3
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Come faccio?
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Giu 24, 2017 2:40 am    Oggetto: Ads

Top
beba
utentejr


Registrato: 26/10/09 11:04
Messaggi: 146

MessaggioInviato: Mer Dic 14, 2011 2:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il GLHO non è stato fatto in maniera consueta visto che la NPI è ancora in infortunio ma le maestre (quella di sostegno vecchia) e la psicologa di Borghese si sono trovate e hanno adeguato il PEI dell'anno scorso agli obbiettivi di quest'anno . A me lo hanno fatto firmare lunedì e devo dire che le idee ce le hanno chiare su cosa fare , tutto sta a quanto riusciranno a concludere .
Baci ai bambini
beba
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
beba
utentejr


Registrato: 26/10/09 11:04
Messaggi: 146

MessaggioInviato: Sab Gen 14, 2012 8:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ieri è andata a scuola la psicologa che segue Sara in privato e le sue parole al ritorno dall'osservazione sono state :
" Cara Ombretta pensavi a una situazzione drammatica ? Ti assicuro che è peggio "!
La regressione della bambina in ambito scolastico purtroppo è assodata . Abbiamo un lungo elenco di comportamenti problematici che si sono ripresentati dopo un'assenza di 5 anni, aggressività, autolesionismo e una chiusura mai visti prima ... A pensarci mi viene da piangere .
Questa mattina l'ho portata a casa alle 9.00 perche non era proprio possibile che stesse lì .
lunedì chiederò appuntamento alla preside e ho già stabilito che il 6 febbraio , quando la NPI dispersa in guerra per l'infortunio tornerà in servizio , sarò presente al suo incontro con le insegnanti .
quest'anno lo posso considerare un fallimento su tutta la lunea .
Beba
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
beba
utentejr


Registrato: 26/10/09 11:04
Messaggi: 146

MessaggioInviato: Mer Gen 25, 2012 3:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho ricevuto risposta dalla LISDHA (
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

) che mi ha rimandato al parere del loro avvocato rivolto ad un'altra mamma che porgeva un quesito identico al mio

questo è quanto :

La suprema Corte Amministrativa con la sentenza Cons. Stato, Sez. VI, 20/05/2009, n. 3104 ha disposto in un caso analogo al suo stabilendo che: "Va considerata legittima la richiesta di genitori di soggetto minore affetto da autismo a vedersi riconosciuta una continuità didattica con un educatore, determinata dall'esigenza di contenere le reiterate regressioni comportamentali del figlio, causate dal continuo cambiamento delle figure professionali incaricate del sostegno didattico, attenendo tale richiesta, nella sostanza alle concrete modalità di svolgimento degli obblighi di integrazione scolastica previsti dagli artt. 12 e 13 della L. n. 104/1992".
Potrebbe utilizzare la sentenza predetta in una richiesta formale alla dirigenza scolastica che tenga conto della continuità didattica per la sua bambina.


L'unica cosa è che qui si parla di EDUCATORE e non insegnante di SOSTEGNO

Voi che dite? Potrei mandare due righe di invito alla dirigente perchè l'anno prossimo non sia la fotocopia di questo ?
Beba
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mer Gen 25, 2012 4:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

cooscevamo quella sentenza ma la continuità didattica vale a 360 gradi soprattutto per il sostegno è che non viene applicata.... leggi piuttosto questa altra sentenza, tra l'altro del 2011 (fonte Tuttiascuola) che riguarda proprio il sostegno per un alunno autistico:

IL TAR SICILIA PALERMO RICONOSCE IL DIRITTO DEI MINORII
DISABILI ALLA CONTINUITA’ DIDATTICA

Il T.A.R. Sicilia Palermo, con una recentissima sentenza del 13.10.2011, ha riconosciuto il diritto di un minore disabile alla continuità educativo didattica.
La vicenda ha inizio quando, al temine dell’anno scolastico 2009-2010, la mamma di un ragazzo autistico, con apposita istanza, chiedeva all’Amministrazione scolastica di garantire al minore, anche per l’anno scolastico successivo, la continuità educativo-didattica con la stessa insegnante di sostegno ovvero, solo nel caso di comprovata ed oggettiva indisponibilità di quest’ultima, con altra insegnante anch’essa in possesso di specifiche esperienze e competenze in materia di autismo (e in particolare con competenze in materia di comunicazione per scambio di simboli, c.d. PECS).
Tuttavia, l’Ufficio Scolastico Provinciale di Palermo rigettava la citata istanza sostenendo che l’esigenza di continuità didattica non potesse essere soddisfatta dovendo l’Amministrazione, in sede di assegnazione degli insegnati di sostegno, tenere conto esclusivamente del c.d. diritto di graduatoria ossia del punteggio vantato da ciascun insegnante.
Avverso tale provvedimento la mamma del ragazzo, rappresentata e difesa dall’Avv. Giuseppe Impiduglia, proponeva ricorso innanzi al T.A.R. Sicilia Palermo.
Con il citato ricorso veniva evidenziato che l’individuazione dell’insegnante di sostegno da assegnare al minore non potesse avvenire esclusivamente sulla base del c.d. diritto di graduatoria (ossia sulla base del punteggio vantato da ciascun insegnante) sussistendo in capo all’Amministrazione Scolastica l’obbligo di realizzare un effettivo
contemperamento tra la piena realizzazione del diritto allo studio del disabile ed il c.d. "diritto di graduatoria".
Il T.A.R. Sicilia Palermo, accogliendo il ricorso, ha annullato il provvedimento dell’Amministrazione scolastica giacché la stessa "nell’ambito delle opportunità didattiche offerte dal c.d. diritto di graduatoria degli aspiranti insegnanti di sostegno" non ha provveduto "a garantire al minore la piena realizzazione del proprio diritto allo studio ed al suo proficuo inserimento nella scuola mediante l’assegnazione di un insegnante di sostegno che assicuri la continuità del metodo didattico finora adottato".
Giovanna Librici, vicepresidente dell’Associazione Nuove Ali di Agrigento, si auspica che tale importante pronuncia induca l’Amministrazione Scolastica a prendere nella massima considerazione le esigenze educative di ciascun minore non dimenticando che la continuità didattica, utile per tutti gli studenti, è fondamentale per i minori disabili. "Questa è una vittoria importante - afferma Ivana Calabrese, presidente dell'associazione Aurora onlus - perché apre la speranza ad altri genitori che subiscono da anni questo grave disagio e che fino ad ora hanno pensato non ci fosse alcun rimedio".

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Come faccio? Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3
Pagina 3 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.226