Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Baseball!!!!!

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> SPORT POSSIBILE
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Giu 24, 2017 2:38 am    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Lun Apr 04, 2011 9:30 pm    Oggetto: Baseball!!!!! Rispondi citando

Il Giorno del 04-04-2011

Baseball, gara fra atleti ciechi Ma la vera vittoria è integrarsi MILANO. Tuoni contro Lampi: dopo il derby stellare di San Siro, ieri, si è consumato quello di baseball dei giocatori ciechi, nel campo Kennedy di via Olivieri, periferia sud della città. Già, avete letto bene, a sfidarsi sul campo senza esclusioni di colpi in un doppio match sono stati atleti ciechi, con la vittoria netta dei Thunder's Five su Lampi Milano. Il baseball per ciechi rispetta integralmente le regole di quello ordinario, con qualche piccolo adattamento, spiega Francesco Cusati, presidente del Gruppo non vedenti Milano, «dalle basi sonore per permettere le le corse intorno al campo sino alle palline con i sonagli che danno l'opportunità ai difensore di individuarne l'arrivo». C'è da dire che ha preso piede negli ultimi anno offrendo così la doppia possibilità ai non vedenti: praticare uno sport, diventando così anche più abili per muoversi in città, e socializzare. «Cresce l'autostima soprattutto fra i giovani che si avvicinano a questo sport - dice il presidente, non vedente e lui stesso grande sportivo - Si impara a conoscere meglio il proprio corpo. Ci alleniamo due volte alla settimana, al Saini, mentre le partite le disputiamo al Kennedy». Servono allenamenti intensi ma alla fine il gioco risulta spettacolare e gradevole, anche se occorre assistervi con il massimo silenzio. Milano è l'unica città che può vantare due squadre, imitata da Cagliari e Roma. Il gioco si sta rapidamente diffondendo anche all'estero grazie all'intraprendenza del Gruppo sportivo non vedenti Milano e Aibxc (Associazione italiana baseball per ciechi)che sta facendo scuola anche in Europa. Alcuni allenatori e giocatori sono volati in Germania dove potrebbe decollare presto una nuova squadra. E il 17 aprile si replica: giocherà il Cagliari (ieri ha disputato a Roma) contro i Lampi.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Lun Apr 04, 2011 9:31 pm    Oggetto: Rispondi citando

te prego Nut, ci devi andare!!!!!!! Smile Smile Smile Smile Smile Smile Smile Smile

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Gio Apr 07, 2011 11:02 am    Oggetto: Rispondi citando

e pensare che ci passo ogni giorno davanti al campo dei Tigers e non sapevo che fossero non vedenti........l'altro giorno ho guardato la scritta che indica ONLUS.
Spero di andarci domenica!!
Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Gio Apr 07, 2011 12:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

Very Happy

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mer Gen 18, 2012 12:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

olllllèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè! la storia di questa ragazza cmq era stata presentata in una puntata di "Invisibili" condotta da Marco Berrì

Avvenire del 18-01-2012

«Attraverso il baseball ora vedo un futuro»
MILANO.Aarrivata in Italia su un gommone, da clandestina, attraversando il mare tra Albania e Italia, di notte. «Mi ricordo il freddo e il cielo stellato su cui concentravo tutta la vista che mi rimaneva», racconta Arjola Dedaj ricordando quel 21 dicembre 1998. Un percorso che, come lei, in quel periodo fecero migliaia di albanesi.
Arjola oggi è una campionessa di danza sportiva per non vedenti e giocatrice di baseball nei Thunder five di Milano. Dodici anni fa è arrivata con la speranza nel cuore che l’Italia potesse diventare l’America. «La prima cosa che sognavo era quella di trovare una cura per tornare a vedere. Speravo che i medici albanesi avessero sbagliato la diagnosi di retinite pigmentosa ». Invece la realtà conferma la malattia che porta Arjola alla cecità 6 anni più tardi. «Piangevo sempre per la disperazione e per la vergogna », racconta. Poi un’assistente sociale di Abbiategrasso le fece conoscere l’Istituto dei ciechi di Milano. «La preoccupazione dei miei era quella del lavoro. Prima di perdere la vista ho sempre lavorato. Per alcuni anni in una ditta che produceva nastri da pacco e nella cucina di un ristorante come aiuto cuoco. Ora che ero diventata cieca come potevo mantenermi?». All’istituto Arjola frequenta diligente il “solito” corso da centralinista e un altro per usare il personal computer. Arjola, però, è una ragazza sveglia, molto attenta a cogliere le occasioni. All’istituto sente parlare di un corso per guide al Dialogo al buio, il percorso aperto a tutti che permette di sperimentare luoghi della vita quotidiana in totale assenza di luce. Supera le selezioni e fa un lavoro che le da molte soddisfazioni. In questo periodo conosce anche gli atleti del Gruppo sportivo non vedenti di Milano. «Mi hanno fatto provare il baseball e ho cominciato subito a seguirlo. Mi piace perché richiede concentrazione, istinto, e si svolge all’aria aperta. Il gruppo mi ha accolto molto bene, siamo diventati una squadra affiatata e costruttiva, anche quando si perde non ci si lamenta ma si ragiona sugli errori ». Far parte di una squadra è una dimensione nuova per Arjola che aveva cominciato a fare danza sportiva che è disciplina paralimpica. «Con Salvatore Vitacca, vedente, c’è un buon feeling, tanto che abbiamo vinto il campionato italiano 2010 di danza sportiva». Adesso Arjola, 30 anni, vuole prendere il diploma di maturità. «In Albania, soffrivo la scuola per via della malattia. Non riuscivo a partecipare alle attività della classe, leggevo lentamente, non riuscivo a vedere la lavagna, non potevo leggere le cartine geografiche, non so nulla di geografia. Le maestre non erano molto creative. E- ro considerata una “povera cieca”. In Albania ci sono tanti pregiudizi verso la disabilità ». Per questo Arjola ha un obiettivo. «Vorrei fare qualcosa nel mio Paese per dimostrare che anche chi ha una disabilità importante come la cecità, può fare tante cose. Vorrei lavorare perché in Albania non ci siano più discriminazioni».

di Mina Marano

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> SPORT POSSIBILE Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.209