Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Severgnini su berlusconi

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Un caffè?
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Ott 21, 2017 10:07 pm    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Gio Feb 03, 2011 11:21 am    Oggetto: Severgnini su berlusconi Rispondi citando

Non so se sapete chi è Severgnini, ma questo che ha scritto è fantastico:

ITALIANS

Silvio B. rispondici (anche via Twitter)


Non capisco la passione del presidente del Consiglio per i videomessaggi. L’ho detto, lo ripeto: li trasmettono i dittatori, gli alieni e i Simpson, e lui non è nessuna di queste cose. Il videomessaggio — una dichiarazione solenne senza contraddittorio — profuma d’ansia; e gli elettori la sentono. Fossi Silvio B. mi farei intervistare. Eviterei i giornalisti dipendenti—per contratto, per questioni politiche o per disposizione naturale — e affronterei la prova con serenità. Le probabilità che questo suggerimento venga accolto sono pari a quelle di una laurea in teologia per Lele Mora. È bene prepararsi, tuttavia: l’agente potrebbe scoprire la Scolastica (non è una meteorina insolitamente studiosa) e il presidente accettare l’intervista (non è un’attività particolarmente rischiosa). Toccasse a me il compito—palazzo Chigi o palazzo Grazioli, ad Arcore c’è troppo viavai — mi presenterei con le domande arrivate via Twitter dai lettori/elettori. Eccone alcune, con tanto di firma.

Che modello offre ai giovani con i suoi comportamenti? (Nicoletta Marini-Maio). Crede che evitare un processo possa cambiare il giudizio che la Storia avrà di lei? (Alex Paglia). Io so sempre chi entra a casa mia. Possibile che lei non sappia chi entra a casa sua? (Serena Orizi). La ricerca le ha dato capelli e virilità. Lei e il Suo governo cos’avete dato alla ricerca? (Davide Schenetti).

Nel 1994 ha vinto promettendo meno tasse e riforma della giustizia. Sono passati diciassette anni: dove sono? (Marco Lazzaroni). Se ha ancora un programma, perché non lo affida a qualcun altro? (Luca Melchionna). Perché, secondo lei, nel Pdl non si solleva una sola voce contraria alla tesi di partito? (Roberto Bonacina). Le è mai venuto il dubbio che il suo entourage la stia solo sfruttando? (Armin). Ha mai chiesto consiglio a qualcuno? (Luca Geronimi). Silvio, quali erano i tuoi sogni quando avevi 17 anni? (Corrado Bontempi).

Visto che cerca accordi con Casini per le elezioni (e caccia dal Grande Fratello chi bestemmia), qual è la sua idea di famiglia? (Marco Bellabarba). Perché, visto che può, non si ritira a vita privata e si dedica ai suoi svaghi preferiti? (Arianna P.). Non pensa che un cassintegrato o disoccupato si senta offeso dagli aiutini dati alle signorine? (Alessandro P.). Prima la Minetti, poi Sara Tommasi: perché non le assume in Mediaset, se sono brave come dice? (Alessia Berra). Perché non accetta i contraddittori in tv, come accade in tutti i Paesi? (Alessandro P.). È vero che nel nuovo governo egiziano ci sarà un posto per Ruby, vista l’esperienza, come Ministro delle Mummie? (Raffaele Greco). Ha mai invidiato la capigliatura riccia di Gheddafi? (Francesco). Ecco: queste erano alcune domande (potete controllare su Twitter cercando #intervistiamoberlusconi). Le risposte sarebbero gradite, ma temo non arriveranno. Neppure quella sulla capigliatura del Colonnello, che pure potrebbe far piacere all’alleato libico.

Beppe Severgnini
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
daniela
utentesenior


Registrato: 25/10/09 12:35
Messaggi: 563

MessaggioInviato: Gio Feb 03, 2011 5:18 pm    Oggetto: Rispondi citando

Laughing Laughing

_________________
Daniela
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Ven Feb 11, 2011 9:09 am    Oggetto: Rispondi citando

a proposito di "frasi fantastiche", questa l'ha scritta Aldo Grasso sui Gialappi, ma credo abbia un'applicazione generale.....

C'è qualcosa di antropologico, di carattere profondamente italiano, in questa nostra attitudine a nascere incendiari e a diventare, day by day, pompieri. A coltivare l'indifferenza come tratto stilistico. A trovare argomenti, nascano essi dal nostro rigore o dai nostri capricci, per giustificare qualsiasi scelta.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Dom Feb 13, 2011 12:11 am    Oggetto: Rispondi citando

Articolo apparso sul New York Times..... alè!

Under Threat, Berlusconi Enlists His Media EmpireBy RACHEL DONADIO
Published: February 11, 2011

ROME — In the days since prosecutors called for Prime Minister Silvio Berlusconi of Italy to be tried on charges related to prostitution and abuse of office in a lurid [CENSORED] scandal, the prime minister has steeled himself for what some predict may be his last political battle.

But with a weak political opposition and a lack of clear successors to replace him, the battle is not playing out in Parliament, where the prime minister holds a narrow majority, or in the courts, which have not yet ruled on whether to try him. Instead, it is unfolding in the Italian media that Mr. Berlusconi has dominated for decades.

Ahead of what are expected to be large anti-Berlusconi demonstrations scheduled for Sunday, the prime minister and his loyalists have shifted from defense to attack mode — taking to the airwaves and the front pages to lash out at the Italian judiciary, the center-left opposition and anyone else who might question the prime minister’s personal life.

“Everyone is afraid of elections, so they’re trying to fight the battle using lots of media pressure,” said Aldo Grasso, the television critic for Corriere della Sera, Italy’s leading daily newspaper. “The last battle is being fought through the media, because there’s no answer from Parliament.”

For nearly 30 years, Mr. Berlusconi has helped shape Italian public opinion through his private Mediaset broadcasting network and Mondadori publishing empire, and, as prime minister, through the Italian state broadcaster, RAI.

This week, Mr. Grasso said, Mr. Berlusconi summoned the directors of all the Mediaset news programs, as well as the editors of several newspapers that he owns or co-owns, to discuss coverage, a fact Mr. Grasso called “extremely serious” in that it revealed a collapse of the line between government and the press.

Indeed, in recent days, Mr. Berlusconi has redeclared his longstanding war on Italian prosecutors, accusing them in one interview on Friday of plotting a “judiciary coup” against him, and repeatedly lambasting the fact that they had wiretapped the phones of many young women who attended his parties and that the conversations were leaked to the news media.

“Justice, Italian Style: Free to Attack the Prime Minister,” ran a front-page headline in Il Giornale, a newspaper owned by Mr. Berlusconi’s brother.

Mr. Berlusconi and other ministers have repeatedly compared the prosecutors’ tactics in investigating the prime minister to the “The Lives of Others,” the Academy Award-winning film about the Communist East German secret police spying on German intellectuals — which happened to be aired in prime time on Wednesday by RAI.

At the same time, the RAI board blocked a talk show on a left-leaning channel from airing the final minutes of Nanni Moretti’s 2006 film “Il Caimano,” about a director unable to make a movie about a Berlusconi-like figure because everyone is afraid of offending him. The film’s closing scene shows Mr. Moretti as the pseudo-Berlusconi reciting attacks on prosecutors, while demonstrators start throwing firebombs.

This week, critics howled when a parliamentary committee that monitors the RAI state broadcaster proposed new rules stating that if one talk show discussed a particular theme, like the [CENSORED] scandal, all other RAI talk shows would have to wait eight days before touching the same topic, a measure Mr. Grasso of Corriere called “totalitarian.”

For Sunday, women have organized demonstrations across Italy calling on Mr. Berlusconi to step down, criticizing him both for what they see as the demeaning portrayal of women promoted on his television channels and for the latest [CENSORED] scandal, in which Mr. Berlusconi is accused of paying for [CENSORED] with a 17-year-old and abusing his office by calling the police to intervene on her behalf after she was detained for petty theft.

The prospect of the demonstrations was enough for one former Berlusconi official, Giuliano Ferrara, the editor of the newspaper Il Foglio, to organize a counter event on Saturday, declaring that it was unfair for prosecutors to pry into people’s private lives.

On Friday, the cover of the newsweekly Panorama, owned by Mr. Berlusconi’s Mondadori, hit the same theme. Under the headline “I Won’t Stand for It,” it featured photos of Italian women who “are proud of their dignity but don’t accept puritanical lessons. Because behind the neo-moralism of the demonstrations, there is only the desire to hit Berlusconi.”

Meanwhile, Chi, a popular supermarket tabloid published by Mondadori that routinely shows flattering pictures of the Berlusconi family, featured a cover spread on all the women serving as ministers in the Berlusconi government. The headline read, “The left hasn’t given such important roles to women and hasn’t done anything for their emancipation. We talk with facts.”

Mr. Berlusconi first came onto the Italian political scene in the early 1990s, in the political vacuum created by the fall of the Berlin Wall and “Tangentopoli,” a huge bribery scandal that brought down the entire postwar political system after one-third of Parliament came under indictment for corruption and illegal party financing.

Today, the [CENSORED] scandal may be another big moment for Italy’s political order — only this time around there are showgirls instead of kickbacks, and there is no clear Berlusconi figure poised to govern the country.

In the absence of a clear alternative, the media wars wage on, and Mr. Berlusconi has the upper hand. “People are convinced that he’s politically persecuted,” Mr. Grasso said.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Gio Mar 03, 2011 4:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

sempre severgnini:

Il ministro tedesco Karl-Theodor zu Guttenberg, accusato d’aver copiato parte della tesi di dottorato, s’è dimesso. Proviamo a immaginare cosa sarebbe accaduto in Italia.

Il ministro Carlo T. Gutti - nome di fantasia - viene accusato d’aver copiato la tesi di laurea. Per giorni evita ogni uscita pubblica, rinunciando anche a due inaugurazioni, un'escursione familiare con l’auto blu e un invito a “Ballarò”. Raggiunto finalmente dai cronisti, nega tutto: “Chiunque s’azzardi a dire che ho copiato la tesi se la vedrà con me in tribunale!”. I compagni di partito confidano ai giornalisti: “Gutti? Ma sarebbe stato bocciato anche al Cepu! Un dottorato? Impossibile.” Il titolo di studio è però visibile dietro la scrivania ministeriale, tra le foto con cardinali, capi di Stato e Francesco Totti. L’on. Gutti deve spiegare: ha preso la laurea? L’ha copiata? L’ha comprata?

Preoccupato, lancia la controffensiva. I media governativi sostengono che “le accuse sono risibili”. Una trasmissione TV dimostra, con un plastico, che il ministro Gutti, se avesse copiato la tesi, sarebbe giustificato: la facoltà dove ha studiato è labirintica, e il relatore è noto per non farsi trovare dagli studenti. L’opposizione, uscendo dal consueto stato catatonico, grida il proprio sdegno: «La vicenda Gutti rappresenta un chiodo nella bara della democrazia!», dice un portavoce. Gli ascoltatori fanno gli scongiuri e il portavoce non verrà più invitato.

Il premier, tuttavia, è preoccupato. Ha sul tavolo una lettera firmata da circa 23 accademici (tutti prossimi alla pensione), dottorandi e semplici cittadini: nella missiva si critica la gestione dell’affaire Gutti, “che rischia di trasformare la laurea in una parodia”. Un consigliere commenta, rispettoso, che la laurea in Italia è già una parodia. Ma il capo non è convinto. “Alle mamme quel pezzo di carta interessa, dicono i sondaggi. Meglio convocare i direttori dei Tg e vedere cosa ne pensano”.

Viene decisa una strategia. Tre ministre spiegheranno in Tv che si tratta di ‘gogna mediatica’, di un ‘golpe accademico’ e ‘di un brutto giorno per l’università italiana in quanto si vogliono dividere buoni e cattivi, seri e poco seri’. Il ministro in persona apparirà in lacrime al Tg4 stringendo al petto la tesi di laurea: “E’ mia! E’ mia!”.

Neppure questo produce i frutti sperati. Si tenta allora di minimizzare: “Così fan tutti”, è la nuova parola d’ordine. Gutti concorda un’intervista: ammette d’aver copiato, ma si scaglia contro i “giustizialisti in toga”. I commentatori liberali applaudono: tra i diritti dell’individuo c’è quello di copiare la tesi di laurea, sostengono (citando un’operetta giovanile di Hume dal titolo “Xerox if you can”). A Milano viene organizzata in fretta e furia una nuova manifestazione (“In mutande ma plagi”). Viene scelto il teatro degli Arcimboldi. Il Dal Verme infatti non basta a contenere tutti gli italiani che hanno scopiazzato la tesi di laurea. E oggi, finalmente, si sentono assolti.

.........
stamattina leggevo in volata che "non siamo neanche sicuri che non fosse maggiorenne"........ vuoi vedere, mi sono detta, che adesso andranno a falsificare i certificati di nascita etc?.... bon, poco fa leggevo che addirittura ha spiegato ai senatori che la nascita della bimba è stata denunciata due anni dopo (eccerto!). Qualcuno va a dire all'accusa che esiste un esame, è una semplice radiografia, che si fa alla mano sx che "data" il nostro corpo? un pallino=un anno di vita anagrafica, funziona un po'come i cerchi di accrescimento dei tronchi d'albero..... eddai, ma certa gente pensa di potersela sempre cavare? Shocked

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Un caffè? Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.531