Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

TRASPORTO SCOLASTICO

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Come faccio?
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Dom Ago 20, 2017 12:23 pm    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Lun Ago 23, 2010 3:33 pm    Oggetto: TRASPORTO SCOLASTICO Rispondi citando

posto qui il pezzo che avevo inviato a suo tempo a Superando ma che non è mai stato pubblicato.....

TRASPORTO SCOLASTICO: un settore su cui fare chiarezza


Sulla scorta della mia esperienza diretta, rivolgo quanto segue a FISH e FAND cioè le due federazioni di associazioni a tutela delle persone disabili italiane e a quanti competenti, per avere delle risposte, nella tutela dei diritti e della sicurezza di mio figlio. Senza contare che, facendo questa richiesta in forma pubblica, ne possono poi benificiare tutti i genitori che leggono.

Partendo ab ovo, nel testo della 104 si legge che il trasporto per e da scuola viene effettuato dal comune di residenza fino alle medie e dalle superiori in poi se ne occupa la provincia.

Un genitore quindi si attiva e fa richiesta.

Nel mio caso, al primo anno mi è stato detto che finchè mio figlio non avesse compiuto i tre anni di età, non poteva usufruire del servizio.

Il secondo anno ho dovuto fare una raccomandata AR in carbon copy a dirigenti e assessori e il servizio è stato attivato a gennaio.

Il terzo anno le raccomandate sono state molte di più, qualche fax oltre a colloqui e il servizio è stato attivato a gennaio lo stesso. Con l'aggravante che poiché la conditio sine qua non era la mia presenza sul pulmino (il che significava tornare a piedi la mattina e riandarci il pomeriggio per il rientro) mi sono trovata al pomeriggio solo l'autista che non sapeva minimamente come agganciare la carrozzina (si è giustificato dicendo che in sede non gli avevano detto che il bambino era sulla carrozzina). Si possono leggere tutti i particolari qui:


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



L'anno prossimo io non sarò più presente sul pullmino primo perchè la legge non lo prevede (in ogni caso non è mai stata fatta un'assicurazione a mio nome, per cui se succedeva qualcosa?) in secondo luogo la sottoscritta è in stato interessante e per l'inizio dell'anno scolastico sarà quasi al termine dellla gravidanza, in ogni caso cosa dovrei fare? Poiché non è infrequente che succedano incidenti anche gravi – di recente è balzato all'onore delle cronache il caso della ragazzina di Alcamo cui, proprio durante il trasporto da scuola a casa, hanno spezzato entrambe le gambe dislocando le teste dei femori fuori dal loro alloggiamento, vorrei risparmiare a mio figlio ulteriori problemi, solo perchè chi si occupa di fornire il trasporto per le scuole non forma gli operatori, non segue le più elementari norme di sicurezza e i ragazzi disabili sono trattati come oggetti da trasportare e non come persone.

Quindi, il genitore può richiedere che venga affiancato all'autista un operatore di propria fiducia? E l'operatore che qualifiche deve avere?

Chi fornisce il servizio è tenuto a consegnare un documento di un qualche tipo?

Come si verifica che tutte le norme vigenti in materia di sicurezza per il trasporto delle persone disabili siano rispettate?

Esiste un 'associazione, ente, dipartimento della motorizzazione italiana, deputato a fornire informazioni corrette ed aggionate in materia e che si occupi di fare rispettare la normativa nel nostro paese?

Tutti i quesiti che sto sollevando non sono peregrini, perchè facendo un giro sul web ho intercettato diverse richieste da parte di operatori addetti al trasporto che si ponevano le stesse mie domande ma le risposte, anche dalla motorizzazione, sono assai carenti, come se le persone disabili appunto non godessero di pari diritti di tutti gli altri in ambito di sicurezza stradale: "assicuriamo le carrozzine in qualche modo e se succede qualcosa tanto la colpa è dei presenti non di chi fornisce il servizio", questo è il succo che ho desunto, anche parlando viva vox con gli autisti.

A questo proposito un ultimo appunto: la sicurezza riguarda anche i bambini piccoli, categoria tra le più discriminate in Italia; chi, come me, ci è passato, può testimoniare che farsi prescrivere un seggiolino da auto per un bambino con problemi posturali/motori costa un paio di ulcere: l'aspetto grottesco della faccenda è che se i bambini normodotati devono viaggiare sui seggiolini e contenuti dalle cinture, i bambini disabili, invece, possono starserne in braccio alla mamma.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
daniela
utentesenior


Registrato: 25/10/09 12:35
Messaggi: 563

MessaggioInviato: Mer Ago 25, 2010 3:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ma dovrebbe essere la scuola che si occupa del trasporto e quindi sempre la scuola a fare la richiesta del trasporto per l'alunno con disabilità segnalando anche le difficoltà dell'alunno al fine di avere il mezzo di trasporto idoneo. La presenza dell'operatore deve essere garantita. I genitori o tutori ecc., hanno l'obbligo di presentarsi alla fermata o punto di raccolta sia alla partenza che all'arrivo. La legge 118/1971 mi pare faccia riferimento al diritto al trasporto gratuito, ma non alle caratteristiche che deve rispettare il trasporto stesso. Mi viene da pensare che il servizio trasporto alunni viene dato con gara d'appalto, quindi il comune stesso o la provincia dovrebbe richiedere determinate caratteristiche di sicurezza per assegnare l'appalto del servizio. In comune non c'è un assessorato al trasporto a cui fare riferimento? Provo ad informarmi meglio.
Daniela

_________________
Daniela
Top
Profilo Invia messaggio privato
daniela
utentesenior


Registrato: 25/10/09 12:35
Messaggi: 563

MessaggioInviato: Mer Ago 25, 2010 4:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

A proposito di trasporto, noi come tutti gli anni abbiamo problemi con l'abbonamento per il trasporto di Andrea. Fino all'anno scorso era la provincia che si occupava, ora è il servizio trasporti di Trento ad occuparsi di tutto. Ogni anno era un battibecco con gli impiegati provinciali che non capivano o non volevano capire...inoltre l'ultima volta ero stata considerata una persona "ingestibile" Laughing Quest'anno è stata tutt'altra musica ed è giusto raccontare anche gli avvenimenti positivi.
Dunque, anche quest'anno l'abbonamento di Andrea non poteva essere ricaricato attraverso la banca (si tratta praticamente di una tessera di riconoscimento con chip), ma doveva essere rinnovato. Quindi mi sono recata all'ufficio trasporti dell'Atesina. Senza neppure guardare in volto l'impiegata dietro lo sportello ho cominciato a recitare il mio "rosario". "devo rinnovare la tessera mio figlio ha 23 anni non è un lavoratore, non è proprio uno studente perchè frequenta un progetto di formazione post-scuola e non può essere considerato disabile perchè ha un'invalidità inferiore al 74%...è praticamente un ibrido". L'impiegata è rimasta un pò perplessa ha detto il solito "come? non capisco" e poi ha cominciato a impilare una serie di moduli e a farmi l'elenco dei documenti da allegare, quindi mentre mi consegnava il tutto mi stava per dire in quali uffici provinciali dovevo recarmi, ma si è fermata di colpo...e stringendo i moduli ha detto, al microfono dietro il vetro del suo sportello "e che caxxxxo! Mi rifiuto di farle fare tutta sta trafila, penso ne abbia già abbastanza da fare! Faccio un paio di telefonate abbia la cortesia di aspettare qualche minuto, intanto compili solo il modulo di richiesta rinnovo". Cinque minuti dopo l'impiegata mi consegnava la tessera provvisoria per poter viaggiare in autobus, mi comunicava che la nuova tessera sarebbe stata pronta per venerdì mattina in modo da poter andare in banca a ricaricarla e che purtroppo il rinnovo deve essere effettuato ogni anno poichè i ragazzi che frequentano i progetti come Andrea possono ritirarsi oppure diventare lavoratori da un anno all'altro e poi ha aggiunto "basterebbe fare una circolare per noi invece di complicare il tutto con un giro di moduli su moduli per confermare ciò che mi hanno praticamente detto al telefono in 5 minuti. Abbiamo risolto così anche per altri che sono nella stessa situazione di suo figlio. Grazie!" Grazie? Sono rimasta inebetita, ma contenta di vedere che ci sono persone che vanno oltre la loro routine e sanno usare la prorpia testa e il buonsenso.
Daniela

_________________
Daniela
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mer Ago 25, 2010 8:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

grazie al cielo che esistono anche impiegate come quella che hai incontrato tu!!!!!!!!!!

per quanto riguarda la situazione qui il Comune ha appaltato il servizio perchè mantenerne uno suo era troppo costoso e questo "ente" che si occupa di trasportare le persone disabili ADULTE è stato contattato per fare questo servizio.... mio figlio è l'unico bimbo così piccolo, poi c'è qualche studente delle superiori.
La settimana prossima ho una riunione e vedremo.....
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
daniela
utentesenior


Registrato: 25/10/09 12:35
Messaggi: 563

MessaggioInviato: Mar Ago 31, 2010 5:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ci sono novità? Ho trovato solo questo per quanto riguarda la Provincia di Verona in cui si dice che è la scuola che deve attivarsi per il trasporto.

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________
Daniela
Top
Profilo Invia messaggio privato
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mer Set 01, 2010 6:48 am    Oggetto: Rispondi citando

interessante Dani! la riunione è domani..... sto leggendo tot articoli che provengono dai vari quotidiani italiani e siamo alle solite: province che scoprono oggi che devono fare loro i trasporti per le superiori, difficoltà organizzative, comuni che sono nel caos... mah!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Come faccio? Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.094