Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

.....

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Quel che succede
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Giu 23, 2017 11:08 am    Oggetto: Ads

Top
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2014 7:52 pm    Oggetto: ..... Rispondi citando

Redattore Sociale del 04-03-2014

"Sei cieco, non puoi firmare". Cliente discriminato e risarcito

FIRENZE. Non vedente discriminato dalla compagnia telefonica Tre. E’ accaduto qualche mese fa in un punto vendita ‘Tre’ vicino alla stazione Santa Maria Novella di Firenze. L’uomo in questione, Giulio Paternò, 75 anni, non vedente dagli anni Ottanta dopo un delicato intervento, si è recato al negozio per acquistare una scheda telefonica. L’acquisto è andato avanti regolarmente fino a quando si è arrivati al momento della firma del contratto del nuovo numero telefonico. “Lei non ci vede, non può firmare il contratto” avrebbe detto la commessa della Tre al signor Paternò, il quale, inizialmente disorientato, ha portato a conoscenza della commessa la legge 18 del 3 febbraio 1975, secondo cui “la firma apposta su qualsiasi atto, senza alcuna assistenza, dalla persona affetta da cecità, è vincolante ai fini delle obbligazioni e delle responsabilità connesse”. In sostanza, la firma del non vedente sarebbe stata valida a tutti gli effetti anche senza la presenza di testimoni.

Nonostante le informazioni fornite da Paternò, la commessa sarebbe rimasta sulle sue posizioni, continuando a ripetere che quel contratto, in assenza di testimoni, non poteva essere firmato vista la cecità del cliente. Paternò ha allora proposto alla signora di leggergli l’intero contratto, oppure, in alternativa, di firmare un documento privato nel quale il cliente si sarebbe assunto ogni responsabilità di firma. Ma neanche queste due proposte hanno trovato d’accordo la commessa, che non avrebbe minimamente indietreggiato, costringendo Paternò a lasciare il negozio senza nessun contratto in tasca.

Il non vedente fiorentino comincia così la sua battaglia legale, sostenuto dall’avvocato Sara Caloni, che presenta ricorso contro la Tre accusandola di discriminazione. La compagnia telefonica si mette in contatto con l’avvocato, tentando di scusarsi e cercando di trovare un accordo. Ma il signor Paternò non molla e decide di continuare la causa. Dopo alcuni mesi di battaglie legali, pochi giorni fa è arrivata la sentenza del tribunale che ha condannato la compagnia telefonica ad un risarcimento di 1.500 euro al signor Paternò. Che oggi è soddisfatto, ma non dimentica la discriminazione subita: “Mi sono sentito umiliato, offeso e deriso, non mi era mai accaduta una cosa del genere”. (js)

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Kodia
Site Admin
Site Admin


Registrato: 23/10/09 19:04
Messaggi: 2357
Residenza: deserto di Atacama

MessaggioInviato: Mar Mar 04, 2014 11:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il Comune licenzia dipendente cieco
dopo 35 anni: «Siamo stati costretti»
SI tratta di un 50enne a cui l'Ulss ha tolto l'idoneità
Il sindaco: «Ci spiace, era un lavoratore instancabile»
di Lucio Piva
MONTEGROTTO (PADOVA) - In burocratese, si dice «collocamento a riposo per inabilità». In pratica si legge sempre «licenziamento». Poco importa che il dipendente «inabile», destinatario del provvedimento abbia maturato appena 35 anni scarsi di servizio.

Dietro ad un inedito caso di disoccupazione, non c'è stavolta la crisi che costringe tante aziende a chiudere. Anzi. Il datore di lavoro, costretto a togliere il posto fisso ad un proprio lavoratore è il Comune di Montegrotto. Obbligato suo malgrado ad obbedire alle disposizioni delle autorità sanitarie. E a dare il benservito ad un operaio cinquantacinquenne, sebbene colpito da una grave patologia conclamatasi nella cecità. La storia è paradossale, se riferita a quanto il dipendente ora inabile aveva prodotto in momenti di piena efficienza.

«Era instancabile - dice il sindaco, Massimo Bordin - al punto che si rendeva utile anche fuori dell'orario di lavoro per far fronte ad emergenze di ogni tipo». E infatti, la comprensione dell'amministrazione per le difficoltà progressivamente manifestate dall'operaio non ha tardato a manifestarsi.

Il cinquantacinquenne è stato dunque destinato al più compatibile ruolo di addetto alla reception dell'ufficio tecnico. Sino quando ad occuparsi del caso non sono stati gli organi sanitari. Dopo un iter durato anni, nel corso del quale tanto il medico aziendale che la commissione medica dell'Ulss 16 di Padova hanno dichiarato l'inidoneità del lavoratore, è toccato al collegio regionale di verifica ad imporne al Comune il licenziamento. Messo così in atto per inabilità permanente al servizio d'istituto ed a qualsiasi proficuo lavoro in modo assoluto.

Altenative? «L'amministrazione - ha infatti spiegato Bordin - non ha a disposizione posti compatibili per i non vedenti». Per un operaio con mensile di poco più di 1000 euro, potrebbe ora riverlarsi insufficiente per colmare la pensione dimezzata, l'eventuale concessione di maggiorazioni all'Inps e il riconoscimento dell'inabilità assoluta e permanente. Per ora l'addio è con la liquidazione di rito e con il riconoscimento di appena 35 anni di servizio è troppo poco.
Martedì 4 Marzo 2014
da IL GAZZETTINO di Padova, questo il link
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Quel che succede Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.295