Indice del forum genitoritosti
il forum dei genitori di figli con disabilità
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

onoterapia

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Terapie, metodi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Ago 18, 2017 9:46 am    Oggetto: Ads

Top
nutella
utentesenior


Registrato: 24/10/09 20:34
Messaggi: 589

MessaggioInviato: Mar Nov 24, 2009 7:42 pm    Oggetto: onoterapia Rispondi citando

Il ciuchino diventa "terapista"
giovedì 12 novembre 2009


A Cagliari si pratica l’onoterapia con quattro asinelli sardi (di Veronica Centamore)





Franco, Lucia, Margherita, Paola, Piero, Davide e Roberta (I giovani soci della Cooperativa Sociale
“L’Alchimia” di Maracalogonis piccolo centro dell'entroterra cagliaritano) hanno [CENSORED] o su
Santolina, Rocco, Giuditta e Balthazar, quattro asinelli sardi dalla tipica stazza minuta e la loro fiducia è stata ripagata in
pieno. Dolci, pazienti, fedeli e umili i quattro ciuchini sono diventati dei veri e propri operatori sociali.





Si sono riscoperti dotati di panacea universale, cioè di un rimedio per curare tutte le malattie, nel modo a loro più
consono, come? Dimostrando semplicemente il loro affetto. Si tratta di onoterapia, "onos" deriva dal greco e vuol dire
asino quindi la terapia dell'asino. Ovvero, un tipo di trattamento effettuato con l'ausilio di questo animale. Sono delle
attività co-terapiche di supporto alla medicina e alla psicologia tradizionale che hanno il compito di potenziarne gli esiti
svolgendo un lavoro parallelo agli altri interventi. La dimensione significativa dell’incontro è la triade
utente–asino-operatore che si rivela contenitore affettivo sicuro e accogliente che comunica e ascolta.
L’asino con le sue caratteristiche etologiche, fisiche, comportamentali rappresenta potenzialmente un facilitatore
alla Relazione. Gli strumenti di cui ci si avvale sono: l'asino (ovviamente), il corpo, il movimento e il gioco. Questi
elementi incentivano l'espressione della comunicazione permettendo il riavvicinamento alla dimensione corporea ed
emotiva allentando i conflitti e stabilendo una connessione tra la sfera emotiva e il vissuto interiore. La comunicazione
non verbale diventa il canale preferenziale che rende possibile l’espressione, in modo graduale, più intima di sé.
Incredibilmente mansueti e docili permettono un recupero della capacità di relazione ai bambini con difficoltà.





È uno dei rami della pet-therapy, la disciplina per la rieducazione motoria e affettiva che sfrutta il rapporto con gli animali,
molto indicata per persone con difficoltà di socializzazione e per i disabili. L'esperimento è stato già fatto in Toscana e in
Abruzzo, dopodichè si è deciso di importare l'esperienza in Sardegna. E l'asinello sardo, camminando molto lentamente
non diventa pericoloso per chi lo cavalca, l'unico problema si pone quando si ferma... farlo ripartire non è una così
semplice impresa. Meno conosciuta della più nobile e consolidata ippoterapia che utilizza destrieri e purosangue, anche
l'onoterapia sta riscuotendo i suoi consensi e le sue soddisfazioni. La Pet Therapy con un decreto legislativo, è stata
riconosciuta ufficialmente, all’interno del Servizio Sanitario Nazionale. Un riconoscimento ufficiale del valore
terapeutico dell’animale, peraltro già noto e consentendo così anche il loro ingresso nei vari luoghi di cura. Nasce
nel 1953 in America, ad opera dello psichiatra Boris Levinson. Il quale mentre lavorava con un bambino autistico, si rese
conto che il suo cane gli offriva la possibilità di proiettare le proprie sensazioni interiori, costituiva un’occasione di
scambio affettivo, di gioco e rendeva più piacevole le sedute. Nel 1961 coniò il termine ‘Pet Therapy’,
sostituito in italiano, da Terapie Assistite dall’Animale (TAA).





L’espressione Pet Therapy, indica esattamente i programmi di addestramento del comportamento animale.
Ovviamente è diretta da un professionista. Ad essa si affiancano le Attività Assistite dall’Animale (AAA), interventi
di tipo educativo, ricreativo e/o terapeutico, che hanno l’obiettivo di migliorare la qualità della vita a: persone
difficoltà relazionali; in stato confusionale; con disordini dello sviluppo; con disabilità fisiche; con difficoltà di parola; con
problemi di udito, che può indurre un forte senso di isolamento; con problemi di vista, nelle quali alcune modalità sensoriali,
quali udito e tatto, risultano maggiormente sviluppati, per compensazione; con disturbi psichiatrici; individui che hanno
subito deprivazioni sensoriali; malati terminali; bambini; anziani. Ovviamente, è necessario valutare la personalità sia
dell’animale che del potenziale utente, e la patologia di quest’ultimo, in modo da favorire un adattamento
reciproco. I programmi, in generale, prevedono: conoscenza dell'animale tramite contatto; esercizi in serie in modo da
integrare movimenti e funzioni attraverso l'instaurazione di un codice di comunicazione; sviluppo della funzione della
mano come organo di senso, come strumento di comunicazione, e come primo iniziatore d'azione; percezioni delle parti
del corpo dell'asino; cavalcate; giochi di ruolo; ecc... ecc... I meccanismi d’azione fondamentali di questo tipo di
intervento sono: il rapporto uomo-animale, affettivo ed emozionale, in grado di arrecare non solo benefici emotivi e
psicologici, ma anche fisici, quali l’abbassamento della pressione sanguigna, il rallentamento del battito cardiaco;
la comunicazione uomo-animale, che si basa su una forma di linguaggio molto semplice, cadenzata, con ripetizioni
frequenti, tono crescente e interrogativo, che produce un effetto rassicurante, sia in chi parla, sia in chi ascolta.





La stimolazione mentale: che si verifica grazie alla comunicazione con l’altro, alla rievocazione di ricordi,
all’intrattenimento, al gioco, che riducono il senso di alienazione e isolamento; il tatto: il contatto corporeo, il
piacere tattile permettono la formazione di un confine psicologico, della propria identità, del proprio Sé e della propria
esistenza; l’elemento ludico, cioè il gioco e il divertimento, che portano benefici psicosomatici; la facilitazione
sociale: la presenza di un animale, spesso, costituisce un’occasione di interazione con altre persone; la
responsabilità: proporzionale alla propria età e alle proprie possibilità, nella cura di un eventuale animale di proprietà;
Servizio Civile Magazine
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Realizzata con Joomla! Generata: 24 November, 2009, 18:39
l’attaccamento: il legame che si viene a creare tra uomo e animale può, almeno in parte, compensare la mancanza
eventuale di quello interumano, e, comunque, favorire lo sviluppo di legami di attaccamento basati sulla fiducia, che
potranno, in seguito, essere anche trasferiti ad altri individui; l’empatia: la capacità di identificarsi con
l’animale, nel tempo, viene trasferita anche alle relazioni con gli altri esseri umani; l’antropomorfismo:
l’attribuzione di alcune caratteristiche umane all’animale, può rappresentare un valido meccanismo per
superare un eventuale egocentrismo e focalizzare la propria attenzione sul mondo esterno; il senso di comunione con la
natura. A questo punto ci viene facile comprendere perchè Maria di Nazareth viaggiava su un asinello mentre in attesa
della nascita di nostro Signore. Probabilmente non sarà un caso





Servizio Civile Magazine

_________________
vai avanti tu......che a me vien da ridere!!!!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
daniela
utentesenior


Registrato: 25/10/09 12:35
Messaggi: 563

MessaggioInviato: Mar Nov 24, 2009 9:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Di questa terapia ne avevo già sentito parlare...mi piace Smile

_________________
Daniela
Top
Profilo Invia messaggio privato
superricky
neoutente


Registrato: 30/01/11 23:19
Messaggi: 42

MessaggioInviato: Gio Mar 17, 2011 10:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per chi è interessato:
www.asinisinasce.it
Esperienza xsonale molto positiva...appena arriva la bella stagione ricominciamo Smile

_________________
"Non permettere mai a nessuno di spegnere il tuo sorriso"
Top
Profilo Invia messaggio privato
musicoterapista
utentejr


Registrato: 25/10/09 11:12
Messaggi: 178
Residenza: Catania

MessaggioInviato: Ven Mar 18, 2011 6:43 am    Oggetto: Rispondi citando

è il mio sogno..........

_________________
La musicoterapia non è guarire con la musica
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
nut
Ospite





MessaggioInviato: Sab Giu 04, 2011 1:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

Musico il tuo sogno............
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
musicoterapista
utentejr


Registrato: 25/10/09 11:12
Messaggi: 178
Residenza: Catania

MessaggioInviato: Dom Giu 05, 2011 7:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

eh ma prima o poi.....

_________________
La musicoterapia non è guarire con la musica
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Terapie, metodi Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.094